Pubblicità
Viaggi Liberi


37057.it google
NEWS
Rotonde a misura di pedoni e ciclisti

Apprendiamo dai media che a breve una parte importante dei soldi incassati dalle multe comminate agli automobilisti verranno “investiti” nella realizzazione di due nuove rotonde nella zona di Pozzo e probabilmente a breve in un’altra rotonda alla fine di via Vendramini. La somma impiegata, secondo i nostri calcoli, potrebbe aggirarsi al milione di euro. Ci preme ricordare che:

1. La legge, ed in particolare il codice della strada, indica che il 50% degli incassi provenienti dalle multe DEVE essere investito in interventi a favore della mobilità dolce;

2. Le rotonde spesso diventano un’ostacolo invalicabile per ciclisti e pedoni o, in altri casi, diventano comunque zone molto pericolose perchè prevedono molti possibili punti di “contatto” tra auto e ciclisti;

3. La rotonda spesso è una finta soluzione al problema del traffico: si pensa di renderlo più scorrevole, ma alla fine, essendo comunque un incentivo all’utilizzo dall’auto, finisce con aumentare il traffico stesso. Le colonne di auto che, nelle ore di punta, arrivano lungo le due direttrici principali da Verona (Borgo Roma e Palazzina) fino alle rotonde “del Lupo” e del “Galassia” ne sono una testimonianza;


Esprimendo quindi i nostri dubbi sull’utilizzo così spinto di questa tecnica costruttiva (tra l’altro molto costosa) e auspicando di vedere invece una vera e più ampia politica a favore dei mezzi ecologici (mezzi pubblici, biciclette e pedoni), chiediamo almeno che le nuove rotonde siano costruite a misura di pedoni e ciclisti e che quindi prevedano tutti gli accorgimenti possibili per rendere sicuri gli attraversamenti quali: corsie ciclabili; attraversamenti rialzati; continuità verso le ciclabili esistenti; continuità dei marciapiedi;

Auspichiamo inoltre che le nuove realizzazioni possano prevedere anche interventi per creare nuovi percorsi ciclopedonali in modo da permettere a ciclisti e pedoni di raggiungere in sicurezza alcuni importanti attrattori che ci sono nella zona quali la piscina, la pista di BMX, località Comotto, le scuole e la farmacia di Pozzo.

Sarebbe inoltre auspicabile, per quanto possibile, modificare le rotonde esistenti in modo da introdurre elementi di sicurezza per pedoni e ciclisti, come per esempio è stato recentemente fatto nella rotonda presso il pastificio Rana, collegando con passaggi ciclopedonali via Marinai d’Italia con la nuova ciclabile che arriva in via Vendramini.


Alberto Bottacini

Amici della Bicicletta




COMMENTI
Inserisci il tuo commento all'articolo

Nome
Email
Commento

VIDEO




TUTTI I VIDEO

Pubblicità

NEWSLETTER
Scrivi la tua mail e resta sempre aggiornato con le news di 37057.it




Pubblicità
Viaggi Liberi